TRULLI DEL BOSCO

Il Bosco Selva




Il “Bosco Selva” è il “polmone verde” di Alberobello, esso si trova a 800 metri dal paese e costeggia i Trulli del Bosco. La sua estensione e pari a una superficie di 45 ettari, in un anno esso libera più di 920 tonnellate di puro ossigeno, rivelandosi un oasi naturale unica nel territorio per la biodiversità sviluppata al proprio interno. Inoltre, il Bosco Selva si presenta come un vero e proprio parco con innumerevoli sentieri percorribili a piedi o in bici, aree per i giochi e picnic all’aperto.

La storia

Divenuta “Oasi di Protezione della Flora e della Fauna Bosco Selva” nel 1985, la storia di questa zolla di terra verde è stata sorprendentemente legata sin dalle origini alla storia di Alberobello. A provarlo sono gli antichi muretti a secco (parieti), i crateri delle carbonare, i recinti in pietra (jazzi) usati dai pastori per custodire i loro greggi. Ma la memoria di questo luogo, si spinge ancora più indietro nel tempo.

Percorrendo i sentieri e inoltrandovi nella vegetazione, provate ad immaginare come potevano presentarsi le colline di Alberobello prima della sua fondazione. Una fitta selva boschiva di conformazione carsica, petrosa, attraversata da sentieri erbosi utilizzati per collegare i villaggi vicini.

La stessa radice etimologica del nome “Alberobello”, potrebbe trarre origine da un antico panorama formato da vetusti alberi di querce bellissimi, gli: “arboris belli”.

Fauna e flora

È il particolare micro-clima a rendere l’oasi di “Bosco selva” un ambiente ideale per la sopravvivenza di molte specie faunistiche e vegetali, tipiche dell’area Mediterranea.

Il manto boschivo è formato principalmente da alberi di fragno, leccio e roverella (elementi tipici all’interno del paesaggio pugliese) ma vi crescono anche perastri, olivi selvatici, nespoli, allori, pruni. Mentre tra gli arbusti bassi compaiono i corbezzoli, la Berretta del Prete, i lentischi profumati, i delicati cisti, e in primavera i biancospini fioriti. E ancora più sotto tra variopinti licheni strisciano asparagi, rovi, pungitopo, crochi e fragole selvatiche. E se tra voi vi sono appassionati di erbe e decotti naturali non sarà difficile riconoscere la melissa, il timo, la ruta, il mirto, il serpillo, la camomilla, il cardo, il mentaccio, e tante tante altre varietà per un luogo frequentato un tempo dalle guaritrici della medicina contadina.

Tra rami e cespugli, avrete la possibilità di ascoltare più di 37 tipi di uccelli presenti nel bosco e magari scorgere in volo un’ upupa, una gazza, una ghiandaia, una capinera, un gheppio, un falco, una civetta o un gufo notturno.

Altrettanto numerosi sono gli animali di terra che trovano riparo nella boscaglia. Come la volpe, il tasso, il riccio, la talpa, la donnola, la faina, i rospi negli stagni, la circospezione dei rettili assolutamente innocui: il colubro nero o leopardino, la biscia d’acqua, lo scinco, o una pacifica lucertola. Solo alla vipera schiva occorre fare attenzione, ma anche queste arricchiscono la biodiversità di questa piccola oasi.

Perchè fa bene camminare

“I camminatori sono persone singolari, che accettano per qualche ora o qualche giorno di uscire dall’automobile per avventurarsi fisicamente nella nudità del mondo… ciò favorisce l’elaborazione di una filosofia elementare dell’esistenza basata su una serie di piccole cose, induce per un momento il viandante a interrogarsi su di sé, sul suo rapporto con la natura e con gli altri”.
David Le Breton

Nel Bosco Selva si snodano fino a dodici sentieri guidati, di media e piccola distanza, ombreggiati, sterrati e puliti nel loro percorso.

Sarà l’ideale:

  • per chi desidera concedersi una rilassante passeggiata da solo o in compagnia.
  • per chi pratica jogging e non vuole perdere l’allenamento neanche in vacanza. Respirando puro ossigeno al 100%.
  • per chi ama la mountain bike e desidera avventurarsi in nuovi percorsi dal manto sterrato.
  • per chi volesse ancora concedersi una passeggiata istruttiva nel bosco e fra i suoi segreti: piante, nomi, e tracce di animali, possiamo farvi da guida fra natura e poesia.

Le famiglie con bambini, invece troveranno un parco giochi all’ombra, tra i pini, a pochi metri dal bosco, con diverse tipi di giostre, e tavolini, molto pratici per rifocillarsi con un buon picnic all’aria aperta.